Valerio Cimino

Le ispezioni in farmacia

La farmacia, per le varie tipologie di prodotti trattati, è spesso oggetto di ispezione da parte di diversi organi della pubblica amministrazione, ognuno dei quali si sofferma quasi sempre su uno o più aspetti. Nel corso dell’accesso ispettivo vengono toccate tutte le tematiche relative alla gestione professionale: dal possesso dei requisiti alla salubrità dei locali, dalla presenza degli apparecchi e delle sostanze obbligatori alla corretta esposizione degli avvisi, dai registri alla conservazione dei medicinali, dai farmaci stupefacenti a quelli veterinari, e così via. La finalità dell’autore è di fornire una guida chiara e dettagliata alle ispezioni in farmacia a uso dei titolari e dei direttori, strumento utile anche ai membri delle Commissioni ispettive di vigilanza.

La farmacia, per le varie tipologie di prodotti trattati, è spesso oggetto di ispezione da parte di diversi organi della pubblica amministrazione, ognuno dei quali si sofferma quasi sempre su uno o più aspetti. Capita così che alla porta della farmacia si possano presentare dai vigili sanitari e di polizia annonaria, alla Guardia di Finanza; dai veterinari dell’Ausl, agli ispettori Inps, Inail e dell’ufficio del Lavoro; dai carabinieri del Nas, fino ai vigili del fuoco per un controllo sulle norme antincendio… A tutti questi interventi si deve, peraltro, aggiungere una tipologia particolare di ispezione, la più completa e professionalmente “intrigante”, proprio quella che, ogni due anni, viene effettuata dalla Commissione di vigilanza dell’Ausl. È un’ispezione focalizzata sugli aspetti specifici della professione e che è mirata a verificare l’attività della farmacia nel suo complesso ruolo di presidio sanitario sul territorio, nel rispetto delle varie norme. Nel corso dell’accesso ispettivo vengono toccate tutte le tematiche relative alla gestione professionale: dal possesso dei requisiti alla salubrità dei locali, dalla presenza degli apparecchi e delle sostanze obbligatori alla corretta esposizione degli avvisi, dai registri alla conservazione dei medicinali, dai farmaci stupefacenti a quelli veterinari, e così via. La Commissione, composta in gran parte da colleghi farmacisti, utilizza un modello di verbale che è una sorta di check-list degli aspetti da verificare (non esiste un modello unico, perché ogni Commissione adotta il proprio). In questa pubblicazione viene approfondita questa tipologia di ispezione. La prima parte tratta gli aspetti generali: le diverse categorie di ispezione, la composizione della Commissione nelle diverse regioni, l’attività della Commissione e i suoi poteri, il procedimento sanzionatorio. La seconda propone un modello di verbale di ispezione frutto della sintesi di diversi modelli di verbali attualmente in uso, con l’approfondimento dettagliato di ogni voce del modello elaborato, con tutti i riferimenti normativi e sanzionatori aggiornati alla data di stampa. La finalità dell’autore è di fornire una guida chiara e dettagliata alle ispezioni in farmacia a uso dei titolari e dei direttori, strumento utile anche ai membri delle Commissioni ispettive di vigilanza. Valerio Cimino